Intel presenterà presto un visore per realtà aumentata?

Un nuovo paio di smart glass per la realtà aumentata realizzati da Intel potrebbe arrivare sul mercato già entro l’anno corrente. Questo almeno è quanto sostiene la prestigiosa testata Bloomberg. Il colosso di Santa Clara non sarebbe però coinvolto direttamente nella realizzazione del nuovo dispositivo, ma vorrebbe finanziarne lo sviluppo recuperando liquidità dalla vendita di una quota di maggioranza di una nuova divisione hardware, che potrebbe chiamarsi Vaunt, il cui valore ammonta attualmente grossomodo a 350 milioni di dollari.

Questo del resto non sarebbe il primo tentativo di Intel nel settore. Alcuni dei dipendenti che attualmente starebbero lavorando in Vaunt infatti proverrebbero da Recon, azienda acquisita nel 2015 e chiusa proprio lo scorso ottobre, che aveva sviluppato un paio di smart glass per la realtà aumentata non particolarmente attraenti ma interessanti, pensati per fornire informazioni contestuali sulle proprie attività agli amanti degli sport estremi o comunque all’aria aperta.

In questi anni inoltre c’era stato anche Project Alloy, un dispositivo ambizioso per la “realtà unita” (facendo riferimento alla capacità di unire digitale e realtà aumentata in un’unica soluzione), anch’esso chiuso nel momento in cui Microsoft presentò il proprio visore per la Mixed Reality, soluzione che a quanto pare era meglio progettata e implementata e, soprattutto, molto più appetibile per i produttori e gli utenti.

Questa volta Intel riuscirà nei propri piani? Il settore è ancora in pieno fermento e, anche se gli analisti sono concordi nell’indicarne le enormi potenzialità, esse sono ancora largamente inespresse rispetto alla realtà virtuale. Aziende come Google con i suoi Google Glass hanno fallito e, Microsoft a parte, non ci sono altri grandi attori sulla scena, anche se indiscrezioni parlano di un imminente prodotto di Apple.

Insomma, da un lato Intel con le giuste tempistiche potrebbe trovarsi virtualmente senza concorrenti o quasi sul mercato, dall’altra potrebbe restare bruciata se il prodotto non dovesse rivelarsi di successo. Vedremo comunque nei prossimi mesi cosa succederà: secondo Bloomberg il dispositivo non dovrebbe esordire che verso gli ultimi mesi del 2018.

 

[fonte:tomshw]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑