Chirurgia: la Mixed Reality di HoloLens in sala operatoria

Non c’è procedura chirurgica priva di rischi, anche tra quelle di routine. Ecco perché i medici approfittano di qualsiasi sviluppo tecnologico in grado di aiutarli a minimizzare tali rischi. L’ascesa della Mixed Reality (MR) come Microsoft HoloLens sta dando ai medici un nuovo strumento per salvare vite umane.

Equipe chirurgiche come quelle dell’Imperial College di Londra stanno usando il sistema HoloLens Mixed Reality nelle sale operatorie per avere un quadro dell’anatomia del paziente prima di fare anche la minima incisione.

hololens-surgery

Prima di operare, vengono sovrapposte al paziente le TAC precedentemente rilevate. I chirurghi sono quindi in grado di avere un’idea molto chiara del posizionamento dei principali vasi sanguigni, delle ossa e dei muscoli. In tal modo, le procedure possono essere più veloci e più sicure.

Grazie alla tecnologia MR, i chirurghi sono riusciti a completare con successo un delicato intervento di spostamento di vasi sanguigni per la guarigione di ferite aperte.
Tra i pazienti che hanno potuto beneficiare di questa tecnologia c’è un uomo con infortunio alla gamba per incidente stradale, un’ottantacinquenne con frattura della tibia e una persona con un’infezione da rimuovere chirurgicamente.

revinax-hololens-3

Chirurghi come il dott. Philip Pratt del Dipartimento di Chirurgia e Cancro dell’Imperial College di Londra sostengono che la tecnologia HoloLens consente ai chirurghi di comprendere l’anatomia unica di ogni paziente: “Per eseguire l’operazione al meglio, è necessario pianificarla meticolosamente in anticipo. Questa tecnologia ci consente di utilizzare i dati raccolti dai pazienti prima dell’operazione in modo realistico e naturale. Si guarda la gamba e sostanzialmente se ne vede l’interno: le ossa e il percorso dei vasi sanguigni.”

James Kinross, un consulente chirurgo colon rettale al St. Mary’s Hospital ha aggiunto che la conoscenza adesso accessibile grazie agli HoloLens potrebbe essere cruciale per il successo di un’operazione: “Nessun chirurgo vuol fare un’incisione per scoprire che avrebbe dovuto farla due centimetri più in là, perché potrebbe compromettere l’intera procedura. Tutto ciò serve a garantire il miglior esito per il paziente.”

 

 

[fonte: VRFocus]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑