Oculus annuncia Quest, il visore standalone di fascia alta da 400 dollari

Oculus ha presentato Quest, la versione consumer del progetto “Santa Cruz”, nominato per la prima volta nel 2016. Il dispositivo è un visore standalone di fascia alta, che non si appoggia quindi a un PC, ma che include comunque il tracciamento della testa e delle mani per esperienze altamente coinvolgenti.

Introdotto nel 2016 come Progetto Santa Cruz, Quest porta il tracciamento completo della testa e delle mani ai visori standalone, ancora assente in dispositivi simili come il Mirage Solo o Vive Focus (che offrono entrambi il tracciamento della testa ma non quello delle mani).

Rivelato durante l’Oculus Connect da Mark Zuckerberg, Quest ha conquistato un posto di rilievo durante l’evento.

Il visore sarà disponibile con due controller Touch a partire da 400 dollari per il modello da 64 GB e verrà lanciato nella primavera 2019.

Il Quest includerà “le stesse ottiche di Oculus Go dotate di una risoluzione di 1600 × 1440 per occhio, con una regolazione della spaziatura delle lenti per massimizzare il comfort visivo.” L’audio incorporato sarà anch’esso simile a quello di Oculus Go ma, stando a quanto detto, con “bassi più profondi”.

“Oculus Insight” è il nome della tecnologia che potenzia l’inside-out tracking Guardian e il tracciamento dei controller Touch. Il sistema è interamente wireless e utilizza quattro “sensori ultra grandangolari” combinati con algoritmi di visione artificiale, senza usufruire di sensori esterni.

 

[fonte: roadtovr]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑